Zanzibar

Paradise Beach

Un nome, una garanzia: una spiaggia paradisiaca

Paradise Beach, il nome non inganna di sicuro!

paradise beach zanzibar

Notate il colore del mare? E quello della spiaggia? Quello che non vi può arrivare dalla foto, però, è il profumo, il silenzio, la consistenza da borotalco della sabbia, la gradevole temperatura dell’acqua, la pace di questo luogo.

Più o meno di fronte al villaggio che ci ha ospitato c’era questa spiaggia, di sabbia finissima bianca e morbida, ed un panorama incantato, ad uso esclusivo di noi ospiti dell’albergo.

Forse la cosa più importante è che Paradise Beach non soffre del fenomeno delle mareee, quindi il mare è balneabile ogni giorno a qualsiasi ora.

paradise beach zanzibar

Paradiso arriviamo!

A partire dal villaggio, avevamo una trentina di minuti circa di barca-navetta per arrivare a destinazione. Con la bassa marea, dovevamo fare anche una decina di minuti di “dalla dalla” (un misto tra un mini  autobus ed un’ape car della piaggio), per essere nel porticciolo più vicino e per poterci imbarcare da lì.

E poi restavamo nel paradiso tutto il giorno!

paradise beach zanzibar

C’era una zona attrezzata con i lettini, per il relax più assoluto, ed in parte era coperta per chi voleva riposare all’ombra.

Di fianco, grandi tavoli e panche di legno per pranzare (il pranzo veniva portato in barca dalla sede). 

In più, c’erano due reti di vecchi lettini messe alla distanza giusta per fare le porte di un campo di calcetto, insomma tutto il necessario! 

Oltre a questo, camminando un po’ sulla spiaggia, si potevano trovare poche bancarelle dove i Masai  vendevano i loro oggetti artigianali.

Andando ancora avanti, c’era solo il bianco della sabbia, l’azzurro dell’acqua ed il verde della vegetazione..

Proseguendo invece dall’altro lato della copertura, c’era una specie di isoletta con delle piccole piante che emergeva solo con la bassa marea e spesso si potevano vedere delle tipiche barche swahili ormeggiate, stupende!

barche swahili

La cosa che ricordo con più nostalgia di questo posto è la sensazione dei miei piedi che sprofondavano (fino alla caviglia a volte) in quella

candida e meravigliosa 

sabbia 

tiepida..

soffice..

leggera..

impalpabile…

non so voi che ne pensate, ma per me era gioia, delizia, beatitudine!!

paradise beach zanzibar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.